Pagina Facebook: ti piace? No, ma mi interessa!

Non so quanti di voi abbiano fatto la stessa riflessione: perché siamo costretti a dire “Mi piace” su una Pagina Facebook, quando in realtà ci interessa solo seguirne i contenuti?

Apprezzamento e interesse sono due concetti che andrebbero semanticamente distinti. A mio avviso l’operazione fatta con l’introduzione del pulsante “Mi piace” non è stata granché efficace; si continuano ancora a definire gli iscritti come Fan di una Pagina (forse perché non si è trovato un termine in grado di tradurre efficacemente la parola Likers: sostenitori? simpatizzanti? ammiratori?) e in pochi la chiamano Pagina Ufficiale, che mi pare la terminologia più corretta.

Al di là di questo aspetto, potremmo manifestare interesse per una Pagina (e il personaggio pubblico, blog, azienda o brand che essa rappresenta) senza esserne necessariamente sostenitori. O perlomeno senza apparire tali: sappiamo infatti che l’iscrizione alla Pagina “Pinco Pallo” verrà notificata ai nostri amici – o alle Pagine preferite se stiamo usando Facebook come pagina – come: A Maurizio Lotito piace Pinco Pallo. Che non è proprio la stessa cosa: a me la Coca Cola non piace come bevanda ma potrei essere interessato a questo brand per mille altri motivi.

Simulazione di pagina con doppia opzione (click per ingrandire)

Una soluzione auspicabile potrebbe essere quella di introdurre un secondo pulsante: “Mi interessa”. Gli utenti che cliccano su questo pulsante otterrebbero così gli stessi vantaggi riservati ai likers, soprattutto in termini di automatismi legati alle notifiche (tag nei post, iscrizione al feed delle note, ricezione degli aggiornamenti, maggiori possibilità di pubblicazione, etc.). Gli amministratori delle pagine godrebbero dal canto loro di una profilatura più corretta della propria audience su Facebook, magari con statistiche Insight disgiunte tra pubblico degli interessati e pubblico dei sostenitori.

L’analisi della web reputation sarebbe ancora più accurata e si aprirebbe un canale di ascolto privilegiato verso un pubblico critico, auto-certificatosi tale, ma che “orbita” in un area di stretto interesse e sul quale agire con politiche di attrazione.

Qualcuno dirà che è l’imitazione del Follow introdotta da Twitter, che ti lascia libero di seguire chiunque manifestando un interesse più o meno generico. Ma l’opzione congiunta “Mi piace”/”Mi interessa” sarebbe sicuramente più rappresentativa (nonché semanticamente più indicata) e renderebbe le relazioni su Facebook ancora più trasparenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...